Le botti

"In quelle botti si nascondeva un mondo che riposava, che aspettava di essere risvegliato"

 

Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP 


Custodiamo più di 3 mila botti che, al loro interno, accolgono l'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP

Le botti per l'invecchiamento dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena devono essere di legni diversi e posizionate in batteria in ordine decrescente, dalla più grande alla più piccola.

Per l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, invecchiato 12 o 25 anni, si possono usare solo determinate tipologie di legno per realizzare le botti che ne guidano l’invecchiamento: castagno, ciliegio, ginepro, gelso, rovere, acacia.

Ogni tipologia di legno dona all’Aceto, negli anni, un’essenza diversa: 

  • Il Castagno, grazie ai tannini di cui è carico, tinge di scuro l’Aceto in esso contenuto
  • Il Ciliegio riempie il suo “ospite” di profumi morbidi, delicati e al tempo stesso persistenti, tipici del frutto stesso
  • Il Ginepro ha una forte essenza aromatica che penetra a fondo nel prodotto conferendogli una fragranza del tutto particolare, molto gustosa
  • Il Gelso è da sempre utilizzato nelle acetaie modenesi per la sua estrema malleabilità e resistenza nel tempo
  • Il Rovere, caratteristico per la sua durezza e resistenza alle intemperie, garantisce un ottimo invecchiamento
  • L’Acacia, legno dalla forte essenza, di colore giallo rossastro e dalla fibra sottile e compatta, altamente resistente all’umidità

Ogni botte ha una sua storia, una sua provenienza: ne custodiamo una che risale addirittura all’Età Napoleonica. 
Ed è tradizione di famiglia dedicare ad ogni "erede" una batteria di botti che riporta sovrascritto il nome della persona a cui è dedicata e trasmessa in eredità. 

A proposito: lo sapevete?
La tradizione (ancora oggi esistente) vuole che alla nascita di ogni erede venga impiantata una nuova batteria che, 25 anni dopo, diventerà la dote di ogni sposa per le nozze.      

 
 

Aceto Balsamico di Modena IGP 
 

L’affinamento dell’Aceto Balsamico di Modena IGP viene realizzato utilizzando il mosto delle uve consentite dal disciplinare di produzione e da aceto di vino di nostra produzione, invecchiato. Avviene all’interno di tini e barriques realizzati da artigiani bottai con pregiato legno di rovere italiano.
Il legno di rovere è ideale per l’affinamento di questo prodotto: grazie alle sue caratteristiche di durezza e resistenza garantisce un ottimo invecchiamento dell’Aceto Balsamico di Modena IGP. 

 

 

Condimenti scuri 

Oltre all’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP e all’Aceto Balsamico di Modena IGP realizziamo anche una serie di Condimenti Scuri che maturano e si migliorano all’interno di barriques di rovere, della capacità di 220 litri ciascuna. All’interno di queste piccole botti di legno i nostri Condimenti, ottenuti da mosto cotto di uve di Trebbiano e Lambrusco di produzione interna, invecchiano per svariati anni sino al raggiungimento della corposità che li rende così versatili in cucina. 

 

Aceto di Vino 

Il nostro Aceto di Vino Barricato è ottenuto da vini nobili, invecchiati per svariati anni all’interno di grosse botti di legno, garantendone così un affinamento morbido, persistente e delicato.